• ItalianTrip

Alghero: La "capitale" della Riviera del Corallo

Dici Sardegna e pensi immediatamente a spiagge bianche e mare cristallino, ma questa regione ha davvero tanto da offrire oltre al bel mare, una perla da non perdere è sicuramente Alghero, è la "capitale" della Riviera del Corallo, tratto di litoranea lungo 90 km, con insenature solitarie, piccole baie, ed è caratterizzato dal mare color smeraldo, i profumi delicati della vegetazione mediterranea invitano il turista a trascorrere una vacanza piacevole e rilassante. Caratterizzata da uno stile architettonico catalano e aragonese, è una delle città più belle e conosciute della Sardegna.


Iniziamo il nostro piccolo tour in questa favolosa città, vi mostriamo 5 posti da visitare sicuramente appena arrivati ad Alghero.


Per prima cosa non puà mancare una visita al centro storico e nelle bellissime spiaggie.


Il centro storico è uno dei più interessanti e affascinanti  della Sardegna e per chi arriva ad Alghero è una tappa obbligatoria.  I quattro secoli di dominazione spagnola (catalano-aragonese) ancora persistono nella cultura, nell’architettura e nella lingua parlata, che ha lasciato nel suo diletto delle spiccate influenze catalane. Le imponenti mura cittadine, i raffinati palazzi storici, le antiche chiese – insieme con i ristoranti locali, negozi di souvenir e i tanti bar rendono il centro storico tra le parti più vivaci della città.


Alghero è affacciata completamente sul mare ed è una delle poche destinazioni in Sardegna che unisce il fascino della città a quello più selvaggio grazie alle sue meravigliose spiagge.

La spiaggia della città è la grande spiaggia del Lido San Giovanni ma per raggiungere tutte le altre numerose  e bellissime spiagge bisogna dirigersi in direzione nord – oltre il Lido di San Giovanni –  in direzione della frazione di Fertilia si trovano le bellissime dune di Maria Pia. 

Proseguendo ancora a nord in direzione Porto Conte, si può raggiungere la spiaggia delle Bombarde e la spiaggia di Lazzaretto, quest’ultima caratterizzata dalla famose torre (1600) e dalle bellissime calette con acqua trasparentissima.


L'acquario di Alghero è uno dei due acquari presenti in Sardegna (l'altro sta a Cala Gonone): si trova in pieno centro cittadino, a pochi metri dalla Torre di Sulis. Inaugurato nel 1985, l'acquario è articolato in diverse sezioni e include una nutrita esposizione permanente di pesci sia marini che di acqua dolce, nella vasca centrale sono ospitati diverse specie di squali, inoltre è l'unico aquario in Italia ad ospitare esemplari di Pesce Pietra, uno tra i pesci più velenosi del mondo.


Ad Alghero sorge il più esteso complesso di grotte sepolcrali preistoriche della Sardegna settentrionale, che conserva i tratti di una civiltà vissuta cinque millenni fa: stiamo parlando della necropoli di Anghelu Ruju, la più vasta necropoli della Sardegna prenuragica, caratterizzata da sepolture a domus de Janas (casa delle fate e delle streghe). Situata nell'entroterra, e meno di 10 km da Alghero, il complesso venne alla luce nel 1903, durante gli scavi per la costruzione di una casa colonica, quando furono ritrovati un cranio umano e un vaso tripode; gli scavi successivi portarono alla scoperta di ben 31 ipogei.


Risalente al XVI secolo, la Cattedrale dell'Immacolata concezione, nota anche con il nome Cattedrale di Santa Maria con il suo campanile si trova in pieno centro storico ed è il simbolo della città. Lo stile dominante è quello gotico-catalano, tuttavia rappresenta un miscuglio di diverse epoche storiche ed artistiche. La cattedrale e il campanile sono visitabili tutti i giorni, ad eccezione del mercoledì e della domenica.










A 20 km da Alghero, in direzione nord ovest, si trova l'imponente promontorio di Capo Caccia, un'enorme roccia carsica a strapiombo sul mare che include un ricco giacimento di fossili di rilevante interesse archeologico. Il promontorio segna il punto più estremo della costa nord occidentale: una vera e propria cinta muraria naturale in passato, che deve il suo nome ai nobili dell'800 che qui appunto cacciavano i piccioni dalla barca. Nei fondali circostanti è presente una pregiata varietà di corallo rosso, mentre la grotta di Nereo è il luogo perfetto per gli appassionati di immersioni. Dal promontorio di Capo Caccia è anche possibile raggiungere le meravigliose grotte di Nettuno, attraverso la Escala del Cabirol.


Una delle principali attrattive naturalistiche della città di Alghero sono le magnifiche grotte di Nettuno, formazioni carsiche tra le più grandi in Italia, site nel promontorio di Capo Caccia, a circa 24 km da Alghero. Per accedervi è possibile farlo via terra, attraverso una scalinata di 656 gradini lungo la parete del promontorio di Capo Caccia, la famosa Escala del Cabirol (scala del capriolo), oppure tramite il traghetto che dal porto turistico conduce alle grotte. Lo spettacolo naturale rappresentato dalle formazioni di stalagmiti e stalattiti è qualcosa da non perdere.


Alghero è una cittadina fortificata, una delle poche in Italia ad aver conservato oltre il 70% delle sue mura difensive, consigliamo quindi una passeggiata lungo i suoi Bastioni e le Torri, retaggio delle dominazioni passate degli aragonesi prima e degli spagnoli poi. Vi segnaliamo i bastioni che affacciano sul porto e sul lungomare Marco Polo, oltre alle torri difensive che circondano il centro cittadino, tra cui la Torre di Sulis nell'omonima piazza, poi la torre di San Giacomo, la torre San Giovanni (che oggi ospita il Museo virtuale della storia di Alghero) e quella della Maddalena.



Non sono solo queste le bellezze naturali e culturali di Alghero, per scoprirne ancora prenotate una casa vacanze e godetevi le meraviglie di questa città,venite a trovarci su italiantrip.it e cercate un alloggio in città o nelle vicinanze.



8 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti